Aron Demetz: Solid Fragility at Villa Bottini in Lucca

by Brigid Brennan (Lorenzo de’ Medici)

Coming across the gardens and the interior art exhibition at Villa Bottini in Lucca is like stepping into an undiscovered world. Passing through the gates into the garden, one discovers a sprawling space perfect for taking a brisk walk. Upon entering the stately structure through the wide and spacious threshold, visitors are greeted by a video and catalogues of Demetz’s work spread across a table within fresco-covered walls. Welcome to the previous home of the Buonvisi family from the the sixteenth century, now filled with the ethereal works of Italian sculptor Aron Demetz.

The core of Aron Demetz’s collection consists of human forms composed of various materials including plastic, metal and most impressively, wood. Beginning with metal and moving on to marble, the essence of the artist’s work is represented most effectively in the fluid forms emerging from the element of wood. One of the rooms is devoted entirely to this medium, filled with twisting and writhing figures in their most raw state. The circular progression of the rooms within Villa Bottini follows the varying stages of completion of these carvings, continually increasing in complexity.

The sculptures of Demetz rise up before the visitor like smoke; completely natural figures forged in the likeness of human bodies, though smaller and more sprightly. Slim delicate figures lightly perched on their stands are filled with an air of natural grace. There is a certain life-force embodied by these creatures that come from the Val Gardena forests of northern Italy, carrying with them a sense of gravity and purpose. It is as though they remain in a state of repose before springing into action. Captured in their corporeal state, the sculptures long to take a breath of air, tormented by the struggle for a real and true life. They appear trapped in this reality, as in the frozen momentum of Daphne caught by Apollo.

Roughly hewn from trees of linden and cedar, the scent of raw wood drifts through the air, inviting visitors to explore the artist’s material and method. The lingering smell transports visitors to the forest from which these strange beings arrived, and awakens in them a sense of wonder and awe. Some sculptures are immersed in a resin-like sap, covering their faces, or dripping down their bodies.

The artist carves with the direction of the grain of the wood, giving the impression that these bodies emerged directly from the trunk. The natural contour of the wood reveals the inner form, much like Michelangelo carving away marble to reveal its desired state of being. Perfection of form is achieved through subtle curves in the sculpture, imbuing each figure with airiness and grace.

High and lofty, the wooden bodies look down upon the viewer from their state of perpetual rooting. Staring into eternity with lost hopes of ever escaping this wooden encasement to become real, these trapped souls will never be so lucky as Pinocchio. Eternally rooted on the stumps on which they stand, these human figures have been immortalized by the intuitive touch of Aron Demetz.

 

Aron Demetz. Fragilità solido a Villa Bottini a Lucca

 di Brigid Brennan (Lorenzo de’ Medici)

Imbattendosi prima nel giardino e poi nella mostra situata all’interno di Villa Bottini a Lucca sembra di trovarsi in un mondo sconosciuto. Attraversato il cancello che limita la proprietà, si scopre uno spazio molto esteso, perfetto per una passeggiata in compagnia. Una volta entrati nel’imponente struttura attraverso l’ampia e spaziosa soglia, i visitatori sono accolti da un video e dai cataloghi delle opere di Demetz sparsi su un tavolo sovrastato da un soffitto affrescato.  Benvenuti in quella che fin dal quindicesimo secolo è stata la casa della famiglia Buonvisi, e che adesso ospita le eteree opere dello scultore italiano Aron Demetz.

Il cuore della collezione di Aron Demetz consiste di forme umane composte da materiali vari, inclusa la plastica, il metallo e, nel modo più impressionante, il legno. Cominciando con il metallo e proseguendo con il marmo, l’essenza dell’opera dell’artista è rappresentata in realtà dalle forme fluide che emergono dagli elementi di legno. Una stanza è dedicata interamente a questo materiale, le cui figure si girano e si contorcono del loro stato più grezzo. La progressione circolare delle stanze di Villa Bottini segue le diverse fasi di completamento di queste sculture che continuamente aumentano di complessità.

Le sculture di Demetz si sollevano davanti al visitatore come fumo; figure completamente naturali forgiate a somiglianza di corpi umani, anche se più piccole e più vivaci. Figure snelle, piene di grazia naturale e leggermente arroccate sui loro supporti. C’è una certa forza vitale incarnata da queste “creature” realizzate con il legno dei boschi della Val Gardena, nel Nord Italia, che portano con sé un senso di gravità e un determinato scopo.  Sembra quasi che si trovino in uno stato di riposo prima di entrare in azione. Catturate nel loro stato corporeo, le sculture sembra vogliano prendere un po’ d’aria,  tormentate dalla lotta per una vita reale ed autentica. Appaiono intrappolate nella loro realtà, come la forza dinamica dell’Apollo e Dafne del Bernini.

Le opere intagliate approssimativamente da alberi di tiglio e cedro, il profumo del legno pervade l’aria, invita il visitatore a esplorare i materiali usati dall’artista ed il suo metodo di lavoro. L’odore persistente trasporta l’osservatore nella foresta da cui arrivano questi strani esseri, e risveglia in loro un senso di meraviglia e di stupore. Alcune sculture sono immerse in una resina che copre i loro volti e gocciola sui loro corpi.

L’artista scolpisce seguendo la direzione delle venature del legno, dando l’impressione che i corpi emergano direttamente dai tronchi. Il profilo naturale del legno rivela la forma interna, molto similmente a Michelangelo che scolpiva eliminando il marmo per rivelare il desiderio di essere della scultura stessa. La perfezione delle forme è realizzata attraverso sottili curve,  che permeano ogni figura di grazia e leggerezza.

Alti e elevati, i corpi guardano il visitatore dall’alto del loro stato di perpetuo radicamento, fissano l’eternità con la speranza ormai persa di non poter mai scappare da quella prigione di legno, di non poter diventare reali; queste anime intrappolate non saranno mai così fortunate come Pinocchio. Eternamente radicate sui ceppi su cui si trovano, queste figure umane sono immortalate dal tocco intuitivo di Aron Demetz.

Cecco Bonanotte for Vinci

by Alessandra Sernissi (University of Florence)

The link that unites Cecco Bonanotte to the city of Vinci, the place where Leonardo was born, is very strong. This show, entitled “Cecco Bonanotte for Vinci”, is set up in the Leonardian Museum, or, more precisely, inside the Conti Guidi Castle. The exposition was organized in the occasion of the inauguration of the permanent sculpture series realized by Bonanotte for the church of Santa Croce in Vinci.

The master artist has represented the history of salvation in nine scenes, among which there are the Passion, the Death and the Resurrection of Jesus, placed around the baptismal font, where Leonardo da Vinci is believed to have been baptized. In two rooms of the castle, which are the Room of the Podestà and the Room of the Solids, the show presents some of the most significant works of Bonanotte created between 1970 and 2010, showing how the artistic thought of the master has evolved into a very original language. Some drawings are displayed, but there are mainly sculptures cast in bronze, copper and gold, all of which, with their warm tonality, provide an ambiance that has a touch of magic.

The most frequent characters are tight-rope walkers, represented as stylized human figures that are elongated with a great lightness and that, in most cases, are balanced on a thin line that projects into the open space. Looking attentively, we discover the true significance of these works that show a man who, walking in equilibrium along the line of his life, is projected along the uncertainty of his existence. In my opinion, the fact that the characters are sculpted or drawn in a very small size demonstrates how a human being feels powerless in the face of nature and its will, though is sometimes animated by a hope that causes him to rise higher.

Analyzing the exhibition from a more museological point of view, one notes how the spaces of  the Leonardian Museum are best utilized. The Room of the Podestà is typically Tuscan in architecture and rich in light; and the works, arranged along the four walls and in the center, shine in a particular way during the sunniest parts of the day, almost as if they have a light of their own.

The Room of the Solids is, instead, a little darker, and is very innovative in its arrangement, for is characterized by the coexistence of works by Bonanotte and some geometric figures reconstructed from Da Vinci’s drawings.

I advise readers to visit this show very attentively so as not to lose the opportunity to compare two masters like Leonardo and Cecco, artists of international fame and very important exponents of artistic thought in their time.

 

Cecco Bonanotte per Vinci

di Alessandra Sernissi (Università di Firenze)

Il legame che unisce Cecco Bonanotte alla città di Vinci, paese natale di Leonardo, è strettissimo. Questa mostra, intitolata appunto “Cecco Bonanotte per Vinci”, è allestita  nei locali del Museo Leonardiano, più precisamente all’interno del Castello dei Conti Guidi e si concluderà domenica 6 novembre 2011. L’esposizione è stata organizzata in occasione dell’inaugurazione del ciclo scultoreo permanente realizzato da Bonanotte per la chiesa di Santa Croce a Vinci.

Il maestro ha rappresentato la storia della salvazione con nove scene tra cui la Passione, la Morte e la Resurrezione di Gesù, collocate intorno al fonte battesimale in cui si pensa sia stato battezzato il Vinci. La mostra, nelle due sale del Castello, quella del Podestà e dei solidi, propone alcune tra le opere più significative del Bonanotte realizzate dal 1970 al 2010 che mostrano come il pensiero artistico del maestro si sia evoluto in un linguaggio molto originale. Sono esposti alcuni disegni ma soprattutto sculture fuse in bronzo, rame ed oro che, con le loro calde tonalità, conferiscono all’ambiente un tocco di magia.

I personaggi più frequenti sono i funamboli, rappresentati come figure umane stilizzate, allungate, di grande leggerezza che nella maggior parte dei casi si trovano in equilibrio su una linea sottilissima che si sporge nello spazio aperto. Osservando con attenzione scopriamo il vero significato di queste opere che ci mostrano l’uomo che, camminando in equilibrio lungo le linee della vita, è proiettato verso l’incertezza dell’esistenza.  A mio parere, il fatto stesso che i personaggi siano scolpiti o disegnati in misura molto piccola dimostra come l’essere umano si senta impotente nei confronti della natura e del suo volere, pur essendo talvolta animato da una speranza che lo porta ad innalzarsi verso l’alto.

Analizzando l’esposizione da un punto di vista più museologico si nota come gli spazi del Museo Leonardiano siano stati sfruttati al meglio. La sala del Podestà, di architettura tipicamente toscana, è ricchissima di luce e le opere, disposte lungo le quattro pareti e al centro, nelle ore più soleggiate della giornata, risplendono in modo particolare, quasi di luce propria.

La sala dei solidi, invece, un po’ più buia, è caratterizzata dalla compresenza delle opere di Bonanotte e di alcune figure geometriche ricostruite da disegni Vinciani, e ciò rappresenta per me un allestimento molto innovativo.

Consiglio ai lettori di visitare molto attentamente questa mostra per non perdere l’occasione di mettere a confronto due maestri come Leonardo e Cecco, artisti di fama internazionale e esponenti autorevoli del pensiero artistico del loro tempo.

Luigi Pecci Center for Contemporary Art: “Live! Art Meets Rock” Exhibit

by Brigid Brennan (Lorenzo de’ Medici)

The Luigi Pecci Center for Contemporary Art is marked by sharp contrasts. Hearing about the museum’s international acclaim and progressive shift towards incorporating contemporary art into the fabric of the everyday lives of people in Prato and Italy, one would expect a treasure of a museum to unfold before their eyes.

However, this is not the case. The external appearance of the museum is lacking in luster, to say the least. In fact, it would be easy to pass by this uninviting, dismal structure, which is about twenty minutes away from Florence by bus. Visitors to the Pecci Museum are greeted by a massive construction site. The drab and deteriorating exterior, however, does not prepare one for the artistic richness to be discovered inside. What appears to be an abandoned complex is actually the home of Italy’s first center devoted entirely to the promotion of contemporary art.

Founded in 1988 by industrialist Enrico Pecci as a tribute to his son Luigi’s premature death, the museum stands as an innovative cultural center within, and for, the community of Prato. Rooted in this city known for its flourishing textile industry, the center was designed by Italo Gamberini, a famous Florentine architect. At the present, this twenty-three-year-old museum is undergoing drastic changes to allow for an expanded wing under the direction of Maurice Nio. While one may see complete destruction on the front lawn of the museum, another may see the museum’s potential for growth. With the new changes, the Luigi Pecci Center for Contemporary Art is set to double its exhibition spaces and also be able to display its permanent collection by the year 2013.

Once one has navigated one’s way through traffic and found the entrance to the seemingly closed-down museum, one will find it is actually a fully-functioning institution with a multitude of facilities, exhibits, and events. These include an extensive library with a virtual reading room, permanent and temporary exhibition halls, and an auditorium space for live shows, such as concerts or films. The multidisciplinary features and lively atmosphere discovered inside are unexpected surprises compared with the exterior of the building.

Exploring the current exhibit Live! Art Meets Rock is a feast for the senses. The curators Luca Beatrice and Marco Bazzin have combined visual and audio material alongside an array of artistic pieces, expressing a different time period in every room. Beginning with the late 60’s, the end of an era, the show passes through each decade’s rock bands, TV recordings, installations and unconventional contemporary artists, finally arriving at the 21st century. This show is a fusion of movements and events happening simultaneously throughout the past 40 years of our cultural history.

The Beatles, Pink Floyd, David Bowie, the Sex Pistols, and Michael Jackson are just a few of the many legends of musical history in this saga through the past. These “performance artists” are linked, through spatial association, to concurrent artistic movements, such as the outdoor installations of Robert Smithson, Andy Warhol’s Pop Art, and the Graffiti Art of Keith Haring, to name a few. Also a part of the experience are a variety of music streams, the airing of MTV’s first song “Video Killed the Radio Star”, and televisions portraying concert series.

While the Luigi Pecci Center for Contemporary Art succeeds in creating an upbeat vibe and a navigable narrative, the exhibition falls short in a few respects. First, as previously stated, is the museum’s accessibility. In addition to having a lack of proper walkways towards the entrance of the museum from the street, the museum appears to be making very little effort to promote its current shows to surrounding areas.

Next, while venturing through Live! Art Meets Rock, there is an influx of music flowing through the air. These recordings are placed in separate rooms, yet are loud enough to intervene and even drown out any speaker trying to relay information about the artworks present.

Finally, there are plenty of brochures available for the taking near the entrance to the museum, and even a fantastic booklet created to specifically cover the different eras in the exhibit- for Italian visitors only. There are no English alternatives provided. What is striking is that, mounted on the walls of the exhibit, labels are written in both Italian and English. This is a major discrepancy which points to a lack of communication within the museum.

One key concept that is functioning very well at the Luigi Pecci Center for Contemporary Art is its goal to keep a finger on the artistic pulse of the world. This has been effectively expressed through the museum’s permanent collection, as well as its wide array of temporary exhibits. With the new expansion process in place and an antennae being installed to “sense the waves” (Maurice Nio) of contemporary movements happening around Prato and Italy, this museum stays true to its original purpose, which is to provide a space for a dynamic and changing contemporary art scene for its community, both local and international.

 

Information:
www.centropecci.it
[email protected]

Viale della Repubblica 277
59100 Prato, Italy
Tel. +39 0574 5317
Fax +39 0574 531901

Hours:
Wednesday – Monday 4pm – 11pm
Closed on Tuesdays

Entry: Free

 

Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci: la mostra “Live! L’arte incontra il rock”

di Brigid Brennan (Lorenzo de’ Medici)

Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci presenta forti contrasti. La fama internazionale del museo e il suo progressivo cambiamento, attraverso l’ inserimento di nuove opere contemporanee, che sono entrate a far parte del quotidiano dei cittadini pratesi e italiani, farebbero pensare a  museo eccezionale in tutte le sue parti.

Non è questo il caso. L’edifico, esternamente, non è in buone condizioni, a dir poco. Infatti, è facile scambiarlo con un edificio dismesso di Prato, città distante venti minuti da Firenze, raggiungibile con l’autobus. I visitatori del museo Pecci si trovano di fronte a un massiccio complesso. Comunque, le facciate deteriorate non rispecchiano la ricchezza artistica che si scoprirà all’interno. Quello che appare un edificio abbandonato è il primo centro italiano dedicato alla valorizzazione dell’arte contemporanea.

Fondato nel 1988, dall’ industriale Enrico Pecci, come tributo per la morte prematura del figlio, il museo è un centro culturale innovativo all’ interno della comunità pratese. Radicato nella città, conosciuta per la fervente industria tessile, il polo museale è stato progettato dall’architetto fiorentino Italo Gamberini. Al momento, il museo, che ha raggiunto ventitre anni di attività, sta attraversando un periodo di cambiamento che permetterà l’apertura di un’altra ala grazie al progetto di Maurice Nio. Guardando la facciata frontale del museo, c’è chi vede completa distruzione e chi vede un’opportunità di crescita. Per merito dei nuovi cambiamenti, il Pecci raddoppierà il suo spazio espositivo e potrà esporre  la nuova collezione permanente dal 2013.

Una volta riusciti a superare il traffico stradale si riesce a scoprire l’entrata del museo, che all’apparenza sembra chiuso. All’interno i visitatori scoprono un centro polifunzionale ben attrezzato per mostre ed eventi. È  presente una grande biblioteca dotata di stanze adibite a lettura virtuale, che affianca le aree espositive permanenti e temporanee. Inoltre è presente un auditorium dedicato a concerti, alla proiezione di film. La multidisciplinarità e l’atmosfera viva dell’interno sono inaspettate sorprese rispetto all’esteriorità dell’edificio.

Visitando la mostra “Vivi! L’arte incontra il rock” ho provato forti emozioni. I curatori Luca Beatrice e Marco Bazzin hanno posizionato supporti audio e video lungo il percorso espositivo per spiegare i diversi periodi analizzati in ogni stanza. Iniziando dalla fine degli anni sessanta, fine di un’era, la mostra attraversa ogni decade con l’aiuto di rock band, video, cassette, installazioni e artisti contemporanei non convenzionali fino ai giorni nostri. Questa esposizione è una fusione di movimenti e di eventi accaduti simultaneamente negli scorsi quarant’anni.

I Beatles, Pink Floyd, David Bowie, Sex Pistols, Michael Jackson, sono solo alcune delle tante leggende musicali della storia presenti nella rassegna. Questi musicisti sono collegati, attraverso associazioni spaziali, con i maggiori artisti dei rispettivi tempi, come Robert Smithson, la Pop Art di Andy Warhol, e l’arte dei graffiti di Keith Harring, per nominarne solo alcuni. Visitando la mostra si può ascoltare la prima canzone trasmessa in tv da Mtv: “Video Killed the Radio Star” e tutta una serie di concerti.

Nonostante il Pecci riesca a creare una forte carica emotiva e un percorso espositivo scorrevole, la mostra cade in secondo piano rispetto ad altro. Primo, come precedentemente detto, l’inaccessibilità del museo. Oltre alla mancanza di marciapiedi prossimi all’entrata, il museo sembra fare pochi sforzi nella promozione delle aree circostanti.

Secondo, mentre si visita la mostra il volume della musica pervade l’ambiente. Le casse pur essendo posizionate in aree separate, sono troppo potenti e non permettono al visitatore di ascoltare esaustivamente le spiegazioni della guida.

Infine, all’ingresso è possibile prendere molte brochure e un apposito catalogo creato appositamente per questo evento; ma solo per i visitatori italiani. Non sono previste alternative per turisti stranieri. Quello che risulta strano è che i cartellini delle opere posti sul muro sono riportati sia in Italiano sia in inglese. Questa è la maggiore discrepanza perché dimostra una mancanza di comunicazione all’interno del museo.

L’ obiettivo principale del museo Pecci è quello di essere un punto di riferimento per l’arte contemporanea nel mondo. Questo concetto è ben espresso dalla collezione permanente e dalle mostre temporanee. Con il nuovo progetto di espansione il Pecci vuole essere come un’antenna che capta le onde dell’arte contemporanea a Prato e in tutta Italia. Il museo tiene fede al suo progetto originale che è quello di fornire uno spazio dinamico per  l’arte  a servizio della comunità locale e internazionale.

Informazione:
www.centropecci.it
[email protected]

Viale della Repubblica 277
59100 Prato, Italy
Tel. +39 0574 5317
Fax +39 0574 531901

Orari:
mercoledì – lunedì 16.00 – 23.00
Chiuso tutti i martedì

Ingresso libero